Cosa vedere

Bookmark and Share

Kuala Lampur
La Malaysia è un paese islamico. Con una particolarità: la più alta carica religiosa è donna. Non può che affascinare lo stile moresco con il quale sono costruite molti degli edifici, tra i quali il palazzo del Sultano. Notevoli richiami architettonici caratterizzano pure la stazione ferroviaria. Sarete colpiti anche dalla vivacità della cultura cinese, che qui è importante e ben presente. Ma indubbiamente ciò che contraddistingue questa città (capitale di uno stato che è tra i  produttori di uno dei migliori petroli al mondo) da molte altre sono, naturalmente, le Petronas Tower, alte quasi mezzo chilometro. Ogni tanto qualche spericolato  buontempone si paracaduta dalla sommità, atterrando nei parcheggi sottostanti o in mezzo alla strada: se vi capita di vederne uno mentre passeggiate non vi preoccupate, non è malaysiano. Comunque se cercate di rilassarvi e abbronzarvi, o di fare qualsiasi gioco d’acqua che vi venisse in mente, non vi resta che muovervi per la spiagge malaysiane, le sue barriere coralline e i suoi colori paradisiaci.

Borneo
Il Borneo (in Indonesiano Kalimantan) è un'isola di 743.107 Km , la terza del mondo per superficie e la maggiore dell'arcipelago indonesiano. Il Borneo è bagnato a nord ed a ovest dal Mar Cinese Meridionale, a nord-est dal Mar di Sulu , ad est dal Mar di Celebes e dallo stretto di Makasar , a sud dal mar di Giava e dallo stretto di Karimata. L'isola del Borneo è circondata, da ovest a est, da Sumatra, Giava, Sulawesi e le Filippine.

È abitata da daiachi, malesi, cinesi; montuosa (M. Kinabalu, 4094 m a NE; catena dei M. Kapuas a NO), traversata da molti corsi d'acqua (Rajang, Kapuas, Barito, Mahakam, Kayan), ha clima caldo-umido e la vegetazione è costituita da lussureggianti foreste (teak, sandalo, ebano, bambù); è ricca di minerali (carbone, petrolio, oro, diamanti, manganese) e altri prodotti (caucciù, caffè, riso, tabacco, ecc.).

Politicamente l'isola è divisa in tre parti: la parte settentrionale e nord-occidentale (Sarawak e Sabah), con l'eccezione del cuneo di Brunei (ex colonia britannica, indipendente dal 31 dicembre 1983) appartiene alla Federazione della Malaysia, mentre la parte orientale e meridionale (Kalimantan) fa parte dell'Indonesia. Il confine fra Indonesia e Malaysia è segnato per un buon tratto dal fascio settentrionale delle catene montuose che funge da spartiacque fra il Mar Cinese Meridionale da un lato, lo stretto di Makassar e il Mar di Giava dall'altro. Il maggior centro del Borneo è Banjarmasin (381.187 ab.).

Nonostante l’incendio che ne ha devastato buona parte alla fine degli anni ’90, rimane una delle mete naturalistiche più affascinanti del mondo. Anche dalla parte malaysiana è possibile compiere viaggi più o meno brevi sul suo territorio, magari utilizzando operatori locali e guide impegnate a diffondere stili di turismo il più possibile compatibili con la preservazione di questo autentico patrimonio dell’umanità. Sarà possibile incontrare le culture locali, inoltrarsi nella jungla tropicale o camminare in montagna; sarà divertente e impegnativo discendere le rapide dei suoi corsi d’acqua, oppure ammirare la flora, l’incredibile varietà di uccelli o avventurarsi in safari selvaggi. Inoltre, presso Batang Ai potrete andare alla ricerca delle scimmie rosse del Borneo. Per farlo dovrete penetrare in profondità nella foresta, nel territorio degli Iban (che sono veramente molto ospitali), alla ricerca dei simpatici cuginoni primati (gli orango-utan sono tra le scimmie più grandi del mondo): non è detto che si lascino vedere, ma comunque ne sarà valsa la pena!

Labuan
Si è proprio l’isola raccontata da Salgari, quella che dava il nome alla donna della quale era innamorato la “tigre di Mompracem”: Sandokan. Nel frattempo, l’isola fu ceduta ufficialmente agli inglesi a metà del XIX sec., per essere aggregata negli anni ’60 del XX sec. al territorio di Sabah. Dal 1984 (gli anni ottanta e novanta sono molto importanti per la “rinascita” politica ed economica malaysiana) era tornata sotto l’autorità del governo federale. Se avete tempo, denaro e curiosità non vi deluderà questa città cosmopolita. E’ un  centro finanziario internazionale off-shore tra i più importanti, un porto franco, un territorio federale, e si trova a neanche 8 km dall’isola di Sabah. Certo nelle sue isole minori, soprattutto, non mancano splendide spiagge e mare cristallino. 

La posizione di Labuan è strategica perché si trova in prossimità delle maggiori rotte petrolifere e delle piattaforme di gas e greggio. Potete arrivare con mezzi modernissimi, e girare dove vi pare in taxi o con un auto noleggiata (vi costerà la stessa cifra). Forse è uno dei più importanti simboli della Malaysia contemporanea e del futuro. Se siete qui non perdetevi la moschea di An'Nur Jamek: è un capolavoro futuristico costato 11 milioni di dollari. E’ il vanto dell’Islam Malaysiano. A poca distanza dalla città si trova il memoriale ai caduti della seconda guerra mondiale, a Tanjung Purun, dove accanto al ricordo di migliaia di soladati inglesi, australiani e neozelandesi, si trova una sezione particolare dedicata ai soldati indian9i del Reggimento del Punjab.